Arte, Benessere, Comunicazione, Emozioni, Lavoro, Momenti, Sacerdote, Vita, Vivere bene

A suon di musica e di bene …

Martedì sera, i No Time, si sono esibiti in concerto all’auditorium di san Marco a Milano e fin qui, tutto appare normale. Ma nel gruppo, c’è don Emmanuél Santoro, giovane sacerdote di 26 anni della Diocesi Milanese che suona la batteria. Se trovi tutto questo normale, beh, allora aggiungo che è un gruppo rock, di giovani uniti dalla musica e dalla fede.

Certo, a leggerlo forse appare tutto sottotono, ma ti assicuro che l’emozione che mi è arrivata era di potenza assoluta. Don Emmanuèl è un giovane con la faccia pulita, semplice, composto e pronto alla gestione della vita, sia da ragazzo sia da consacrato. Un sacerdote capace di portarti quella luce nel cuore, quel sorriso nel volto o quella gioia che rinnova, perchè quando parla, quando canta, quando suona tutto ciò che esce da lui è estensione di sè. In un lavoro che sto ultimando, parlo di lui come del “messaggio di speranza” che la chiesa sta lasciando a tutti i giovani ed a chi, in generale, ha la fortuna di incontrarlo.

Un giovane, un ragazzo divertente e coltissimo, con la battuta pronta che sembra come tutti i suoi coetani, sempre in mezzo alle persone e sempre pieno di cose da fare. Ma se la domenica vai a Messa alle 10.00 nella Chiesa di San Simpliciano, lo vedi lì a celebrare …..magro magro con quegli abiti così importanti hai quasi paura si possa rompere, eppure man mano ti arriva lui, la sua potenza e la sua simpatica presenza. Tutto di don Emmanuél sorride, dagli occhi, alle parole e questo arriva alle persone, perchè i giovani intorno a lui, aumentano di giorno in giorno.

Meraviglioso è stato vedere come i giovani al concerto fossero innamorati di quel don magrolino tanto capace a parlare e a suonare più elementi, quanto capace a celebrare Messa e a intrattenere le persone. Come dicevo prima, don Emmanuél ha la faccia di un ragazzo della sua età, quella faccia da birbante che una nè pensa e cento nè fa ed è quello che rende un po’ magico il mistero che lo avvolge. Un messaggio di Gioia e di Speranza come dicevo prima, perchè guardandoli insieme vedi quanto i giovani ed il don siano tra loro necessari e quanto comunichino continuamente energie gli uni agli altri.

don Emmanuél riceve da suoi amici e dai giovani che incontra quella naturalezza che lo rende così gioioso e loro ricevono da lui, quel mistero che li rende così speciali. Un gruppo di giovani, molti dei quali sono impegnati a seguirlo nelle attività di aiuto alle persone senza tetto, giovani capaci di stare insieme al loro amico don, non solo per scherzare o suonare, ma anche per aiutarlo e sostenerlo. Un rapporto a due vie completo, speciale, profondo che alla sola vista nutre il cuore di chi, come me, ha avuto la grandissima fortuna di incontrarlo lungo il cammino di vita, di fede, di luce.

Penso che oggi, sia un momento della vita importante.
Le distruzioni che avvengono intorno a noi e gli episodi tristi in generale, incupiscono gli animi di tutti e sapere che oggi, proprio oggi, esistono giovani e sacerdoti così genuini, capaci, solari ….. fa sperare in un futuro migliore, in un futuro in fase di costruzione, in un futuro che a breve diverrà un mondo migliore.

grazie don Emmanuél
Barbara Nipoti
Coach – Formatore e Consulente